Featured Slider

Il blog va in pausa || Più o meno, forse, magari me ne vado e basta



Per iniziare questo piccolo avviso, tanto vale chiarire subito un punto. Non ho intenzione di cessare le attività, cancellare il blog e sparire dalla faccia della blogosfera. Questo non accadrà, spero mai. 
Secondo punto: non ho neppure intenzione di smettere di scrivere qui... anche se è comunque un po' l'intenzione.

Prima di far scattare una sorta di mini putiferio alla "che stai facendo?" verso le blogger con cui ho iniziative in corso al momento, ci tengo a dire che sarò sempre presente, che non metterò da parte le iniziative in corso. Perciò sarò attiva nel book club privato, nella catena di discussione di Thorny Bloggers e nella World Reading Challenge. 
Sarò anche attiva nei commenti, dato che ristretto di molto la cerchia dei blogger che seguo.

Il punto è che... ieri, mentre stavo per iniziare una recensione, pensando a tutte le cose da fare per l'accademia, ai miei progetti personali, alla scrittura e alla lettura, ho capito di non poter più reggere due blog assieme, almeno non con la stessa frequenza. 
Questo mi ha portato a chiedermi: cosa davvero mi soddisfa? E subito dopo: okay, forse è solo un momento. Magari sei troppo drammatica.

Ho messo a confronto i due blog. Parlando di contenuti, che dire, sono gli stessi. Posto le discussioni in ambo i blog, identiche. Stessa cosa con le recensioni. Quindi, mi sono resa contro che non ciò che scrivo il problema. Mi piace.

Così mi sono rimaste due cose: l'ambiente generale e cosa comporta scrivere solo in italiano o in inglese. 

"The Cruel Prince" di Holly Black




Lettori in soffitta, ma voi lo sapevate che proprio oggi esce un nuovo libro di Holly Black? Esatto, è proprio così e si tratta di uno dei romanzi più attesi dell'anno! Io ho avuto la grandissima fortuna di essere approvata per un eARC di questo romanzo. Purtroppo ho fatto giusto in tempo a finirlo per la data di uscita, oppure avrei scritto questa recensione molto prima.

In ogni caso, sono molto contenta di portarvi notizia di questo libro. Spero che lo traducano al più presto anche in Italia.





26032825
Titolo: The Cruel Prince
Autore: Holly Black
Serie: The Folk of the Air #1
EditoreLittle, Brown Books
Pagine: 384
Rating: ★★★★★


"Of course I want to be like them. They’re beautiful as blades forged in some divine fire. They will live forever.
And Cardan is even more beautiful than the rest. I hate him more than all the others. I hate him so much that sometimes when I look at him, I can hardly breathe."

Jude was seven years old when her parents were murdered and she and her two sisters were stolen away to live in the treacherous High Court of Faerie. Ten years later, Jude wants nothing more than to belong there, despite her mortality. But many of the fey despise humans. Especially Prince Cardan, the youngest and wickedest son of the High King.
To win a place at the Court, she must defy him–and face the consequences.
In doing so, she becomes embroiled in palace intrigues and deceptions, discovering her own capacity for bloodshed. But as civil war threatens to drown the Courts of Faerie in violence, Jude will need to risk her life in a dangerous alliance to save her sisters, and Faerie itself.
 





The Cruel Prince è un altro romanzo di Holly Black che porta nel mondo delle corti fatate. Se nelle precedenti serie i lettori sono stati introdotti come esterni, stavolta si ritroveranno direttamente all'intero di una di essa, seguendo le vicende grazie agli occhi di Jude.

Il mondo della Black è come sempre contorto e oscuro. La lettura in lingua mi ha avvicinato molto più del solito a questo romanzo. Per giunta, gli appassionati della trilogia di Ironside e il libro singolo The Darkest Part of the Forest potranno godere della presenza di vecchie personaggi. Inutile dire che questo accorgimento mi è stato molto gradito. Adoro questo genere di cose.
Comunque, la Black non perde il suo tocco e in questo caso forse lo aumenta ancora di più, prediligendo un mondo di intrighi, politica e potere anziché di avventure tutte mostri e colpi di scena.

New Year's Resolution




Lettori in soffitta, come va? Un nuovo anno è qui! Avrei dovuto pubblicare questa lista il primo, ma era il mio compleanno e decisamente mettervi a fare post non mi sembrava una prospettiva grandiosa. 

Come avrete visto, la grafica è cambiata e anche di questo avrò da parlarvi. Ma prima di tutto voglio augurarvi un buon anno. Spero che riusciate a iniziare positivamente e senza troppi drammi. 



Sapete cosa è la cosa peggiore/migliore? Adesso ho 24 anni. Non posso più indugiare neppure sulle piccole cose. Sono in quella fase in cui, pur non essendo un millenials-pro (nata negli anni 2000) mi identifico molto con loro, ma al medesimo tempo sono una adulta. Non ho sedici anni e permettermi di dire: lo faccio domani. Quindi, ecco le mie intenzioni per il prossimo anno.


End of The Year || Wrap Up




Lettori, ci siamo! Oggi è l'ultimo giorno dell'anno 2017. A mezzanotte sarà il 2018. Siete pronti? Non siete pronti?
La dura verità: non importa. Perché ormai ci siamo. E ammesso che non abbiate un TARDIS c'è poco da fare.



Questo recap sarà un po' particolare. Vi parlerò di libri, dei miei progetti letterari, di come è andato l'anno in generale e cosa ho imparato, quanto ho completato dei miei obbiettivi. 
Insomma, c'è molto da dire e spero di non dimenticarmi nulla lungo la strada. Ma visto che questo è comunque un blog letterario, iniziamo con le letture



Partiamo dal fatto che sto scrivendo questo post il giorno 29, perché né il 30 né il 31 avrei tempo di farlo. Ergo è possibile che io abbia vinto la mia Goodreads Challenge. Ho praticamente finito The Cruel Prince, per cui sono a quota 64 su 65. Onestamente non mi turba per nulla mancare la challenge di un solo libro, per cui ritengono di aver vinto, anche se per metà.


Ma non è di questo che voglio parlare, così come non ho interesse dello scrivere delle mie letture preferite e sfavorite. Voglio parlare della mia esperienza come lettrice.

La prima cosa che ho notato è come non mi ritrovo nei romanzi "per adulti". Salvo rare eccezioni, essi non sono il mio genere. Non ho modo di trovare relazioni con essi. Al contrario nei libri young adult, anche se i protagonisti sono sedicenni o poco più, riescono comunque a essere rappresentata. 
In questi romanzi ho di certo la possibilità di trovare un protagonista come me o molto simile a me. Stessa cosa non sono in grado di fare i romanzi per adulti e non credo neppure che gli autori siano in grado di capirlo, data la rivalità fra le varie categorie. 

Book Tag || The Winter Book Tag



Lettori in soffitta, manca pochissimo alla fine dell'anno. Visto che siamo ancora in tempo con il periodo invernale, vi lascio un ultimo tag prima del grande recap del trentuno dicembre. 
Come sempre potete tutti considerarvi taggati e la stagione durerà ancora a lungo, per cui avete tempo di occuparvene senza problemi.

Fra l'altro... ditemi che da voi nevica. Perché dalla mie parte non c'è l'ombra di un singolo fiocco :(



Le regole sono poche:
  • lasciare 12 fatti su di me
  • rispondere alle 12 domande
  • nominare altri dodici blogger (ma, come già detto, taggo tutti)


12 FATTI SU DI ME

Considerando che non sono molto creativa riguardo ciò, ho preso un po' ispirazione dai punti stilati da Taiwo, la ragazza del gruppo di blogger internazionali che mi ha citato.


1 - Sono andata in scuole relativamente vicine fra loro e gran parte della mia vita ruota attorno a un particolare quartiere di Roma perché è molto collegato con i mezzi ed è anche lì che si trova la mia accademia.

2 - Sono una accanita bevitrice di teè, caffè, cioccolato, succhi e acqua. Tuttavia posso bere relativamente poco anche durante il corso di una intera giornata. Non posso dire lo stesso riguardo il mangiare.

3 - Mi piace cucinare tanto quanto mangiare e credo di essere brava con diverse cose. I dolci sono la mia specialità ma me la cavo anche con carne e verdure. Ho solo qualche difficoltà con lavoretti più impegnativi.