Featured Slider

Of Books || Cinque libri sulla mia TBR autunnale




Buon martedì, lettori in soffitta! Avete passato un buon lunedì? Cosa avete letto nel fine settimana? 
Oggi ho deciso di portare sul blog uno degli spunti del Top Ten Tuesday di oggi, ovvero dieci libri sulla mia tbr autunnale. Personalmente parlando non ho idea di come sarà la mia tbr di ottobre - tranne una vaga sensazione - ma questi sono i romanzi a cui punto.

Ho optato per cinque libri invece che dieci perché onestamente non so programmare così in avanti e gettare altri cinque libri a caso non mi pareva una cosa bella 

33414251

The Dark Intercept ↠ ho ottenuto una copia ARC su Netgalley e già ho letto recensioni non proprio entusiaste... ma dettagli. La premessa sembra molto interessante, ovvero quella di emozioni controllate da un potere forte, al fine di evitare crimini. Ovviamente e come sempre nulla è come appare. Insomma, la cover mi ha conquistato.
Il libro esce il 31 di ottobre, per cui ho tutto il tempo di leggerlo ma inizierò il prima possibile. 

33158541

The Wicker King ↠ ya thriller che narra della relazione fra due ragazzi e come i disordini allucinatori di uno comincino a condizionare anche la realtà dell'altro. La cover mi ha conquistato e sempre essere un romanzo molto interessante e diverso dagli altri. 
Anche questo esce il 31 ottobre, quindi dovrei andare tranquilla. Darò la priorità sia a questo romanzo che a quello di sopra. 

Of Books || Dieci nuovi libri sulla mia whislist

Lettori in soffitta, stiamo giungendo alla fine di un'altra settimana e cosa c'è di meglio se non una lista che potrebbe allungare la vostra già immensa whislist o tbr? 
Nulla. Stavolta però salterò libri aggiunti di recente perché ultime uscite o libri che ancora non hanno una cover e una quarta di copertina già decisi.
Cominciamo?
 



Every Heart a Doorwrway   Uno dei pochi libri ya con un protagonista asessuale, per cui non può fare a meno di catturare la mia attenzione. So che parla di ragazzini capaci di scomparire negli armadi o sotto il letto, in pure stile Narnia, che è piuttosto bizzarro e la gente muore. Interessante, insomma

 Wildwood   Non so quasi nulla, perché la quarta di copertina è molto vaga, ma è un middle grade illustrato di cui ho sentito parlare molto bene, per cui sono curiosa. In più adoro i libri illustrati

Show Stopper  Un distopico a tema circo - se questo non vi prende - con una premessa cliché da insta love, ma ci sono spettacoli sanguinolente, povertà, bambini venduti a un circo crudele e un tentativo di fuga. Non conosco la scrittrice e credo che sia la sua opera d'esordio, per cui sono molto curiosa.

↠  A Face Like Glass  Non sono sicura di aver capito. La gente deve imparare ad avere espressioni  perché non le loro facce non sono in grado di esprimersi, ci sono formaggi allucinogeni e profumi incantatori. Ma una ragazzina invece è capace di esprimere emozioni e per questo deve portare una maschera... *brain explode*

The Dark Days Club  Questa serie ha cambiato cover mille volte e voglio urlare. Questa era perfetta. Seguire la sua linea? Ma  NOPE. Comunque riguarda la Londra vittoriana e dei demoni che cercano d'infiltrarsi nell'altra società. Ci sto. 

"A Darker Shade of Magic" di Victoria Schwab

Lettori in soffitta, avete saputo la novità? La Schwab ha firmato un contratto con la Tor per la pubblicazione di una seconda trilogia legata a ADSOM. Per ora ho letto solo questo primo libro ma posso dirmi mediamente soddisfatta della lettura. 
Tutti sono innamorati di questa serie, ma visto che di solito soffro della sindrome da "the sequel is bettere" nutro speranze che A Gathering of Shadows mi stupisca di più. 
P.S.da questo momento in poi inserirò il rating nella  bio del romanzo. Seconda nota. Il 12 settember questo romanzo uscirà per la Newton Compton.


22055262Titolo: A Darker Shade of Magic
Autore: Victoria Schwab
Serie: A Darker Shade of Magic #1
Editore: Tor Books
Pagine: 400
Rating: ★★★

Kell is one of the last Antari—magicians with a rare, coveted ability to travel between parallel Londons; Red, Grey, White, and, once upon a time, Black. 
Kell was raised in Arnes—Red London—and officially serves the Maresh Empire as an ambassador, traveling between the frequent bloody regime changes in White London and the court of George III in the dullest of Londons, the one without any magic left to see.
Unofficially, Kell is a smuggler, servicing people willing to pay for even the smallest glimpses of a world they'll never see. It's a defiant hobby with dangerous consequences, which Kell is now seeing firsthand.
After an exchange goes awry, Kell escapes to Grey London and runs into Delilah Bard, a cut-purse with lofty aspirations. She first robs him, then saves him from a deadly enemy, and finally forces Kell to spirit her to another world for a proper adventure.
Now perilous magic is afoot, and treachery lurks at every turn. To save all of the worlds, they'll first need to stay alive.



La storia inizia senza preamboli. Kell compare fin dalla prima scena e così il suo mondo. Dire che i primi momenti d'impatto siano stati calmi e perfetto, non è esatto. Sì, non era certo una burrasca d'inchiostro ma c'è molto da imparare e subito. 
Adattate la vostra mente a lavorare su più dimensioni - bad joke - e sapersi districare fra esse.

L'esordio di questo romanzo è unico nel suo genere, in quanto porta in scena un mondo del tutto nuovo... benché privo di dettagli. Ma non è detto che l'intero worldbuilding possa essere stipato nel primo libro di una trilogia, quindi concedo tempo all'autrice.
Ci sono quattro Londre, tutte divise per colori e la magia fa da passaggio grazi ai maghi Antari, capaci di spostarsi fra di esse. Come e perché queste Londre si siano create o come si siano divise, quando si fossero scoperte l'un l'altra è un punto interrogativo. 

Ogni spiegazione dell'autrice ha senso ma secondo me, andando ad affondare il dito nei dettagli, ecco che alcuni ne mancano. Certo, forse alcune particolarità sono minuzie inutili che toglierebbero interesse alla storia. Ma io avrei voluto comunque saperle.

Throny Bloggers || Amori Malati : nei romanzi e il loro possibile effetto


Cari lettori in soffitta, oggi è il primo giorno di una iniziativa letteraria a catena. Prima di tutto, come funziona Thorny Bloggers? Delle blogger desiderose di discussioni, confronti e anche un po' di polemica si uniscono fra di loro, scelgono un tema e ognuna ne parla nel proprio post. In più aggiungeranno il link degli altri articoli, in modo tale che i lettori possano spaziare fra le varie opinioni. Proprio questa è la particolarità di Thorny Bloggers: l'argomento di sceglie insieme ma ogni persona la tratterrà in modo diverso, grazie alla sua personale opinione.


Potete visitare gli altri articoli al riguardo presso i blog: The Avid ReaderAnima in PennaIl tempo dei libriMilioni di ParticelleI miei magici mondi


Possiamo chiamarlo tale? Io credo di sì. Perché aperta la porta a un libro ne sono seguiti mille altri, tutti casi editoriali - *risata sarcastica di sottofondo *. 
Prima di tutto urge una certa chiarezza. Osservando l'Italia e l'estero affermo che il fenomeno varia molto. Tirando le somme, posso dire che alcuni libri trash sembrano avere successo in Italia - un mercato più piccolo e con richieste molto diverse dagli altri.

In pratica, la mia impressione è quella che il lettore prende in mano il romanzo sapendo un po' a cosa andrà incontro, perché ha una certa cultura di libri trash, e forse non si ferma ad analizzare il fenomeno più a fondo. Il lettore si appassiona, molto semplicemente.

Ma uno va bene, due pure, una saga se proprio v'interessa. Anche tre. Al decimo per me stiamo già andando un po' oltre. 
Perché alla fine vale porsi la domanda: abbiamo bisogno di questi libri? Sì, se vogliamo staccare un po' la mente, senza distruggerci anima e corpo ogni volta che leggiamo. 
Però non riesco a fare a meno di pensarci. Un libro che parla di amori malati e relazioni disfunzionali - perché di questo stiamo trattando - va a prendere il posto di un libro che invece ha maggiore qualità in moltissimi sensi. Se poi ragioniamo su come lavora il mercato delle pubblicazioni italiane, possiamo capire come il fenomeno faccia dei danni. 

Ma la domanda che mi pongo, da lettrice che non concepisce il libro trash: perché?

"When I Cast Your Shadow" by Sarah Porter



Lettori in soffitta, oggi sono qui una recensione di un libro a cui non so bene che voto dare. Probabilmente lo deciderò durante la recensione, perché scrivendo riuscirò a schiarirmi un po' la mente.

*Ho ricevuto una copia del romanzo grazie a Netgalley e l'editore in cambio di una onesta recensione* 


33414246Titolo: When I Cast your Shadow
Autore: Sarah Porter
Editore: Tor Teen
Data di pubblicazione: 12 settembre
Pagine: 384
Rating: ★★★ 

A teenage girl calls her beloved older brother back from the grave with disastrous consequences.
Dashiell Bohnacker was hell on his family while he was alive. But it's even worse now that he's dead....
After her troubled older brother, Dashiell, dies of an overdose, sixteen-year-old Ruby is overcome by grief and longing. What she doesn't know is that Dashiell's ghost is using her nightly dreams of him as a way to possess her body and to persuade her twin brother, Everett, to submit to possession as well.
Dashiell tells Everett that he's returned from the Land of the Dead to tie up loose ends, but he's actually on the run from forces crueler and more powerful than anything the Bohnacker twins have ever imagined....
 



Eh. Esatto: eh. Non sono così certa di come iniziare questa recensione. Questo libro è in parte come mi aspettavo e allo stesso tempo non posso che considerare il rovescio della medaglia, ovvero il suo lato oscuro. 
When I Cast your Shadow è una storia che non cerca di dare bell'esempio a nessuna. Si parla di una famiglia disfunzionale e problematica su moltissimi fronti. Una parte di me vorrebbe mettersi a dire: "ah, no, le famiglie non sono così! Questa è una pessima rappresentazione." Tuttavia ciò non la rende meno reale. 

La famiglia che vi viene presentata rimane unita nonostante i mille difetti e i mille modo in cui uno danneggiano l'altro. Mentirei se non vi dicessi che mi ricorda una situazione a me vicina, seppure con alcune dinamiche diverse. Non è c'è nulla di giusto ma non darò un voto basso al romanzo perché la famiglia presentata non è equilibrata e l'affetto è ridotto a brandelli, contornato di relazioni malsane. 
I personaggi sono problematici, ma in che senso? Sono orrendamente stupidi e crudeli. Il punto è che non mi è parso che il romanzo cercasse di giustificare o promuovere un  certo tipo di relazione. Certo, i POV si alternano fra Ruby ed Evrett, oltre che Dashiell - i tre fratelli della storia - ma nessuno è un grande esempio di qualità umane. Tant'è che ho passato buona parte delle lettura a scuotere e il capo e urlare: "fermatevi, siete tutti pazzi!".