14/11/15

Non pregate, combattete per ciò che vale davvero

Quando accade l'evento di Charlie Hebdo, scrissi una sorta di post di commiato. Pensai di farlo per ogni altro evento in cui altre persone fossero morte per colpa del terrorismo. Non lo feci. A oggi so che avrei scritto lettere di sangue.

Non scriverò di quanto mi addolori ciò che avvenuto a Parigi, sebbene sia così e mi spezzi il cuore. Mi sentirei ipocrita e nei confronti di tutti i morti, uccisi dalla mente bacata di certi uomini e donne, di cui però quasi nessuno scrive post di lutto e io ho fatto esattamente come loro.
Disprezzo queste "cose" che agiscono con qualche pretesto religioso, perché uomini non sono e le bestie hanno molta più intelligenza. Spero nella loro morte totale perché non sono degni di vivere la vita dopo averne recise così tante.
Per cui mi limiterò a un breve constatazione di fatto che mi sento libera di poter espreimere solo qui, evitando certi amici di facebook alquanto beceri e con cui non ho voglia alcuna di parlare.


Un'arma è uno strumento di morte molto potente. 
Pone fine a una guerra, a un uomo, a molti uomini ma non a una ideologia malata. 
Esse sopravvivono agli uomini. 
Sono i germi di una malattia che attecchisce alla mente degli idioti. 
Si può combattere solo con le idee.
I primi che cedranno all'odio e alla paura saranno i primi a venire sconfitti.

6 commenti:

  1. E' un momento triste. Quando la violenza prende il sopravvento non può non esserlo. Ho già vissuto abbastanza di questi momenti terribili già in altre occasioni. Ovviamente non credo ci sia nulla di male ne di ipocrita nell'esprimere il proprio commiato. Questo non deve per forza significare non voler andare oltre i singoli fatti. Tutto ciò è comunque estremamente sbagliato, su questo non credo di avere alcun dubbio.
    Quel che fa da contorno è spesso deformato, la religione è solo un pretesto. Dietro si nascondono fanatismo ed interessi di cui conosciamo solo una piccola parte o che possiamo in parte intuire.
    Fai bene a evitare i social network. Pensa, ho dato un'occhiata a qualcosa su youtube e i commenti sono in generale qualcosa di inguardabile. Il livello è veramente basso e becero.
    Non aver paura a esprimere i tuoi sentimenti. Io non posso che dire di essere affranto e scosso. Per quanto mi riguarda Parigi ha tutto il mio commiato e la mia solidarietà e sono convinto non solo da parte mia. Grazie per questo piccolo spazio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oramai hai commenti non voglio più farci caso. Sono così beceri e privi di cultura.
      Come: sganciamo una bomba su quei paesi. Senza sapere che metà Francia e composta dall'etnia di "quei paesi". In pratica senza avere idea del contesto francese. Almeno io posso dire di avere anni e anni di Francia del sud alle spalle e in una città per nulla facile.
      Di nulla. Spero di non doverlo fare mia più. Qui a Roma hanno innalzato il livello di allerta, come dopo ogni attentato ma io non ho paura. Voglio continuare a girare libera anche nel centro di Roma che conosco come le mie tasche.

      Elimina
    2. Si, speriamo ovviamente che non sia più necessario parlare di questi fatti. Non ho avuto modo di uscire, io sono di Milano, ma credo che anche qui l'allerta sia salita. Purtroppo questo è un problema diventato molto "grosso" e credo che in qualche modo si muoveranno. Mi auguro solo che rimanga una questione più di intelligence e non di altro.

      Elimina
  2. Abbiamo già perso contro l'odio e la paura, perdiamo ogni giorno senza rendercene conto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Permettimi di dissintere quando ti dico che mi trovi profondamente contraria a ciò che dici. Per quanto io abbia disprezzo delle masse che fomentano l'odio e la paura, io non credo che abbiamo perso.
      Io non odio e non ho paura. Molti miei amici la pensano come meno. So che esistono persone come me. Anche da singolo individuo, con un gesto, posso fare molto. Un gruppo può fare ancora di più.
      Fino a che saremo un gruppo di persone, composto da individui, pronti a sfidare tutto questo e non una massa informe e negativa, allora non abbiamo perso.
      Anche se dovesse esservi una sola persona a dover fronteggiare la massa.
      Quando anche questa persona sarà morta, potremo dire di aver perso.
      E in ogni caso, le idee sono come le ideologie: non muoino con le persone e sono portatrici di una forza unica nel suo genere.

      Elimina
    2. Ovviamente questi molti mie amici si strovano anche sul citato socialnetwork ma sono di certo in maggioranza rispetto a certi idioti che mettono la foto di un crociato sul profilo... tanto per citarne uno.

      Elimina

Spero che il post vi sia piaciuto e attendo i vostri commenti :)