12/04/16

"Gli occhi neri di Susan" di Julia Heaberlin

Cari appassionati di libri, eccomi qui con una nuova recensione per voi! Il libro mi giunse in antemprima da parte della Newton Compton ma non sono riuscita a leggerlo prima dell'uscita. In ogni caso, ecco a voi il mio parere.

Titolo: Gli occhi neri di Susan
Autore: Julia Heaberlin
Editore: Newton Compoton
Data di pubblicazione: 31 marzo 2016
Pagine: 384
Costo: 10,20


Tessa Cartwright, sedici anni, viene ritrovata in un campo del Texas, sepolta da un mucchio di ossa, priva di memoria. La ragazza è incredibilmente sopravvissuta a uno spietato serial killer che ha ucciso tutte le altre sue giovani vittime per poi lasciarle in una fossa comune su cui pianta dei particolari fiori gialli. Grazie alla testimonianza di Tessa, però, il colpevole finisce nel braccio della morte. A quasi vent'anni di distanza da quella terrificante esperienza, Tessa è diventata un'artista e una mamma single. Una fredda mattina di febbraio nota nel suo giardino, proprio davanti alla finestra della sua camera da letto, un fiore giallo, che sembra piantato di recente. Sconvolta da ciò che quell'immagine evoca, Tessa si chiede come sia possibile che il suo torturatore, ancora in carcere in attesa di essere giustiziato, possa averle fatto trovare un indizio così esplicito. E se avesse fatto condannare un innocente? L'unico modo per scoprirlo è scavare nei suoi dolorosi ricordi e arrivare finalmente a mettere a fuoco le uniche immagini, nascoste per tanti anni nelle pieghe della sua memoria, che potranno davvero riportare a galla la verità...


Tessa è una giovane madre single. Vive la sua vita tranquillamente, in compagnia della figlia Charlei. O almeno, rimane serena quanto glielo permette il suo passato. Infatti Tessa e una delle Susan dagli occhi neri. Lei è l'unica sopravissuta di uno spietato serial killer che l'ha lasciata in una fossa assieme a una ragazza quasi morta e un mucchio d'ossa di altre vittime. Dopo tanti anni di certezze, Tessa sente che i suoi confusi ricordi potrebbero aver fatto arrestare e condannare a morte l'innocente Terrell. Iniza così la sua lotta personale e contro il tempo per fermare l'apparentemente e inevitabile pena capitale.
Iniziamo col dire che Gli occhi neri di Susan non è un romanzo adatto per chi cerca thriller come gli altri. Non che il romanzo sia stata una lettura noisa, tutt'altro! Ma non vi è l'azione senza freni che fa assomigliare alcuni thriller ad americane tutte pistole ed esplosioni. 
Prima di proseguire, mi sembra giusto fermarsi e riflettere sullo stile. La scrittrice utilizza una scrittura piena, nel senso che bisogna prestare attenzione a ogni singola frase. Saltare qualche pezzo potrebbe rivelarsi distruttivo ai fini della trama e il lettore finirebbe per perdersi una parte di fondamentale importanza. Infatti, il romanzo si alterna fra verità e impressioni, confuso e nebbioso a tratti e completamente in balia dei ricordi di Tessa. Anche il continuo altelenarsi fra presente e passato sarà una choave necessaria per la lettura degli eventi.
Lo stile dell'autrice, complesso ma intrigante, avrebbe dovuto essere alleggerito qua e là per tutti i lettori. Personalmente, questo non ha rappresentato un ostacolo per me, ma lo stesso non si può dire nei riguardi di altre persone.
Il romanzo presenta una chiara impronta psicologica, infatti credo che sia proprio questo il fulcro dell'intera narrazione, a dispetto della soluzione che sembra non arrivare mai ma che culmina nei capitoli finali del libro in un crescendo che si farà infine oscuro, con una traccia di paura che mai potrà andarsene.
La storia viene filtrata attraverso gli occhi e la mente di Tessa, uno spunto interessante che non parla di una vittima costantemente traumatizzata quanto forte e in cerca di risposte. Non ci sono buonismi di sorta, non c'è redenzione, solo dubbi e i sussurri delle Susan che sono morte. La sensazione di vita a metà, dei fantasmi che anziché salirle lungo la schiena abitano la testa di Tessa, permeano le pagine del romanzo creando un'unica atmosfera sospesa fra realtà e soprannaturale. Che Tessa abbia davvero immaginato ogni cosa? Che nessuna Susan gli stai parlando? 
Sebbene queste arrivino lentamente, Gli occhi neri di Susan è un grande esempio di sbagli umani e di verità celate che hanno portato la vita di alcuni protagonisti, secondari o meno a essere segnate di tremendi omicidi delle Susan dagli occhi neri. Errori e follia si mischiano in un mix sapiente e interessante, dove il tradimento e la verità sono dietro l'angolo in agguato.


Il mio voto per questo romanzi è di quattro punteggi d'inchiostro e mezzo




8 commenti:

  1. E' uno dei libri che ho in Wl. Bella recensione, ho ancor più voglia di leggerlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :) Nel caso, spero che ti piaccia.

      Elimina
  2. Ciao! è la prima volta che mi capita di recensire il tuo blog... complimenti per l'organizzazione e la costanza nelle recensioni!
    Sto vedendo recensioni del libro di cui hai parlato su vari siti e blog... Mi incuriosisce, anche se, in verità, non è proprio il mio genere! Proverò a sbirciarlo in libreria...

    Se ti va, passa a dare un'occhiata al mio sito lanostrapassionenonmuore.blogspot.it , a tema libri e cultura!
    A presto e buone letture :-)

    RispondiElimina
  3. Ciao!!
    Ho ricevuto anche io questo libro...
    A differenza tua l'ho trovato noioso per la gran parte del tempo, salvo solo le ultime 50 pagine dove la narrazione si è velocizzata ed ho trovato un po' di adrenalina in più.
    Mi è piaciuta tantissimo l'idea di base e credo che possa rendere molto come film, ma purtroppo credo che l'autrice abbia toppato dal punto di vista della scelta narrativa. Quel suo schematizzare i capitoli in modo così netto in tre grandi parti e poi ognuna di esse in passato e presente non mi ha convinto.
    Comunque mi affascina sempre notare come una stessa lettura abbia impatto così diverse sulle persone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece, la parte dei capitoli mi è piaciuta molto. Anzi, è stata molto più interessante che dividere il romanzo in presento e passato.
      Comunque, sì, la parte finale è sicuramente la migliore.

      Elimina
  4. Un voto bello alto! Chissà che non mi faccia venire voglia di riprovare con un romanzo contemporaneo della Newton Compton! :)

    RispondiElimina

Spero che il post vi sia piaciuto e attendo i vostri commenti :)