Il salotto letterario di Amelia - Intervista speciale a Ophelie


Cari appassionati di libri, eccomi qui con un nuova intervista dedicata ai vincitori del Link Party Giveaway organizzato per il compleanno del blog. Ophelie si è posizionata come seconda classificata, ma ora vi lascio alle domande e alle risposte


Presentati! Nome ( fittizio oppure no), età se vuoi, cosa fai nella vita oltre dedicarti alla lettura, e qualsiasi altra cosa pensate sia importante

Ciao a tutti! Sono Ophelie Karou, sono di Roma e ho 43 anni. Nella vita sono una “dispensatrice di caffeina all’occorrenza psicoterapeuta con tendenze omicide” ovvero: la barista.
 

Quali sono i tuoi hobby e le tue passioni?

Oltre alla lettura, adoro il cinema, la musica, la cucina, realizzare cosplay, il punto croce e lo “spignatto” ovvero la meravigliosa arte del prendersi cura di sé e del proprio corpo nel modo più naturale possibile. Cosa che ovviamente a me riesce poco visto che ­ vallo a capire ­ ogni volta che me ne esco con qualche nuova “creazione”, il cane va rifugiarsi sotto la panca. 


Vorresti mai che uno di essi divenisse anche un lavoro? Se non fosse così, a cosa punti? 

 No, sono cose che fanno parte ­ egoisticamente parlando ­ del tempo che dedico a me stessa, sono quelli che io definisco “massaggi dell’ego”. Punto alla serenità. Punto all’alzarmi ogni mattina con il sorriso sulle labbra… ancora meglio poi ­ se magari ­ sul letto che ho appena lasciato, ci fosse steso Ryan Gosling.  


Hai un sogno nel cassetto realizzabile entro i termini della vita umana e della fisica?

Si! Riuscire ad imparare a suonare la chitarra. 


Hai un sogno che superi le banali regole del mondo conosciuto? Tipo conoscere gli alieni, volare, farsi spuntare le ali, respirare sott’acqua, andare a caccia di animali della cripto­zoologia. 

Vorrei essere in grado di comandare i 4 elementi. 


Un obbiettivo certo fra tutti che vuoi realizzare prima che sia troppo tardi

Leggere in lingua 


Hai un tatuaggio? Sono fissata coi tatuaggi quindi esigo risposte. Se sì, di cosa si tratta e che significato ha per te? Ovviamente non devi rispondere se si tratta di qualcosa di assai privato per te. 

Ne ho 6, ognuno con un preciso significato personale. Una lucertola maori, una fata dell’edera, una stella, una scritta in latino che recita:“Quod me non occidit me fortifiat” fatto in un momento molto particolare in cui la vita ha deciso di presentarmi, a suo modo, un piccolo “conto” (all’anima de piccolo), una farfalla e la parte di un’opera (da finire) di un’artista giapponese che io adoro, Audrey Kawasaki


Animali nella tua vita?

Il mio pestifero cane Jack detto “The Hurricane” e… il mio compagno conta? ^^


Cibo e bevanda preferiti! Puoi stilare una lista immensa, io non ti fermerò. 

Birra e adoro la cucina messicana. 


Hai uno stile artistico preferito? 

Adoro tutto ciò che stimola la mia mente, non mi pongo limiti. 


Se potessi viaggiare nel tempo e recarti in una determinata civiltà, quale sarebbe la tua meta? Ricorda, hai tutto il mondo davanti a te. 

Vorrei catapultarmi nel popolo Celtico. Epoca con grandi donne, rispettate e  temute 


Se invece si parlasse di un libro quale meta sceglieresti?

Credo che mi lancerei nel mondo distopico della saga “Matched” di Allie Condie. 


Inizia la sezione delle domande serie, perché la mia fantasia si è esaurita. Perché hai deciso di aprire un blog?

Perché avevo bisogno di parlare della mia passione con persone che capissero la mia ossessione e la mia riverenza verso i libri. 


Perché hai scelto di dargli quel particolare nome?

Stavo cercando di “partorire” il nome a un certo punto alla Tv hanno detto che era “à la page”, “My pages” era già deciso e tutto è nato: “My pages à la page” 


Quali libri recensisci nello specifico? C’è un genere preponderante sul tuo blog?

Sicuramente il contemporary romance e il distopico.


Quale genere letterario preferisci in assoluto? Dimmi il perché. 

Il distopico. Mi af ascina vedere come l’uomo cerca di liberarsi dall’alienazione di una società che cerca di limitarlo. 


Quale invece ami di meno? Anche qui, motiva la tua scelta 

Il thriller ma perché mi angoscia non capire, fino all’ultimo, chi è il vero nemico. 


Formato libresco preferito?

Ebook per necessità, se poi l’ho amato corro in libreria per acquistare il cartaceo  


Alcuni dei tuoi libri preferiti.

Ne ho troppi e stilerei una classifica troppo lunga. Ciascuno di loro è nel mio cuore per un motivo diverso. Posso dirti quello che più mi ha emozionato finora, ed è stato “Tentare di non amarti” di Amabile Giusti. Ho Penny e Marcus stabili nel cuore


Alcuni dei tuoi libri più odiati 

Non l’ho odiato, ma è l’unico libro di cui ho preferito il film ed è “Il nome della Rosa” di Umberto Eco. Mentre lo leggevo, trovavo snervante che nel mezzo dell’azione, Eco si fermasse a descrivere il periodo storico. 


Fetish letterario. Tutti i peccati sono ammessi 

Quando compro un libro lo analizzo manco fossi una della scientifica. Si può sentire la musica di CSI in sottofondo


Desiderio letterario a scelta. Hai la lampada di Aladino in mano, è la tua occasione. 

Vorrei tanto essere una Furia.


Invita tutti quanti a passare dal tuo blog! 

Vi aspetto tutti su “My pages à la page” per condividere insieme opinioni, impressioni e anche critiche (sempre ben accette purché costruttive), sul meraviglioso mondo dei libri. ;) 


Esprimi l'amore per i libri nel tuo personalissimo modo 

Ai miei adorati libri dico grazie! Grazie per ogni emozione che mi date, per ogni luogo in cui mi portate, per ogni sorriso che mi donate e SI! Grazie anche per ogni lacrima che mi fate versare e che fa sentire il cuore… semplicemente VIVO.  
 

Ma prima di andare, saluta con un pensiero positivo e uno di umorismo nero.

Mai arrendersi, mai piegarsi e mai dimenticarsi di sorridere.
Se pensi di aver toccato il fondo ricordati che c’è sempre qualcuno pronto a passarti una pala. 
 







9 commenti

  1. Da oggi non riuscirò più a pensare al barista come a un barista ahahahahhaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ilenia con te non sarei mai così cattiva... sappi però che non sempre un caffè viene male PER CASO! GHGHGHGH! Ghigno malefico

      Elimina
    2. Allora suppungo di non essere in pericolo. Io non bevo mai caffé U_U

      Elimina
    3. Tu non saresti mai in pericolo! Il nervoso scatta quando entrano e partono con la famosa frase "AHO!MI FAI UN CAFFE'!"
      e il "buongiorno,per favore,grazie e prego" l'hanno lasciato sul comodino di casa!Odio la maleducazione >.<

      Elimina
  2. Bella intervista. Il modo di Ophelie di descrivere la barista è bellissimo ih ih.
    E mi piace tantissimo il suo messaggio finale. Complimenti ad Ophelie per le risposte e ad Amelia per l'originalità delle domande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace il mio lavoro, se non fosse pieno di gente maleducata che PRETENDE senza mai dire un grazie e esce con l'educazione dimenticata a casa vicino al cuscino! ♥

      Elimina
    2. A volte mi sorge una profonda irritazione quando accanto a me si siede qualcuno che neppure dice "ciao" a chi lo sta servendo. Le botte...

      Elimina
  3. Grazie ancora per tutto! Sei stata un tesoro ^^

    RispondiElimina

Spero che il post vi sia piaciuto e attendo i vostri commenti :)