"Olga di carta" di Elisabetta Gnone

Cari appassionati di libri, eccomi finalmente qui con la recensione del Libro del Mese. L'ho rimandata molte e molte volte perché non mi andava di scriverla XD Ma ora sono qui e sono pronta a dirvi cosa ne penso. 
Se volete votare il Libro del Mese di luglio passate qui. E inoltre ricordate a voi tutti che è in corso l'iscrizione alla Buddy Read con me per il mese di luglio. Potete trovare i particolari qui.


Titolo: Olga di carta
Autore: Elisabetta Gnone
Editore: Salani
Data di pubblicazione: 9 novembre 2015
Pagine: 298


Olga Papel è una ragazzina esile come un ramoscello e ha una dote speciale: sa raccontare incredibili storie, che dice d'aver vissuto personalmente e in cui può capitare che un tasso sappia parlare, un coniglio faccia il barcaiolo e un orso voglia essere sarto. Vero? Falso? La saggia Tomeo, barbiera del villaggio sostiene che Olga crei le sue storie intorno ai fantasmi dell'infanzia, intrappolandoli in mondi chiusi perché non facciano più paura. Per questo i racconti di Olga hanno tanto successo: perché sconfiggono mostri che in realtà spaventano tutti, piccoli e grandi. Un giorno, per consolare il suo amico Bruco, dal carattere fragile, Olga decide di raccontargli la storia della bambina di carta che un giorno partì dal suo villaggio per andare a chiedere alla maga Ausolia di essere trasformata in una bambina normale, di carne e ossa. Il viaggio fu lungo e avventuroso: s'imbatté in un venditore di tracce, prese un passaggio da un ragazzo che viveva a bordo di una mongolfiera e da un altro che attraversava il mare remando. Più volte rischiò la vita, si perse, ma fu trovata da un circo. E quando infine trovò la maga, solo allora la bambina di carta comprese quante cose fosse riuscita a fare...



Olga è una bambina che di certo non ha una vita facile ma fa di tutto per renderla magica, e perché no, anche vera. La sua arma sono le storie. Ne racconta moltissime e proprio queste sono diventate argomenti di dibattiti e liti fra gli abitanti del villaggio di Olga: sono vere o sono false? Nessuno può accertarsene ma Olga ha i suoi sostenitori. 
In questo libri si intrecciano le storie di due bambina di Olga: quella di carne e quella di carta. Sarà dalla bocca della prima che uscirà la storia dell'avventura della seconda.  
La storia di una completa quella dell'altra. Si tratta di una metafora o di una realtà, questo non verrà mai rivelato. L'intera vicenda si sposta da un mondo tutto italiano e paesano a uno assai diverso, provo di vere cordinate geografiche, carico di strani personaggi e animali parlanti.
Che cosa mi è piaciuto di questo libro? La risposta mi duole, poiché di ques'autrice amai moltissimo la saga di Fairy Oak. Però, devo confessare che di Olga di carta non mi è piaciuto nulla in particolare. 
Avevo sentito così tante cose sul romanzo, che un giorni quando lo vidi in libreria mi lancia verso di esso e lo comprai. Eppure non credo di aver subito, visto o sentito neppure metà del fascino e della magia di cui avevo sentito parlare. Forse qualcosa in me è cambiato, forse non sono più in grado di sentire il fascino, la sorpresa e la magia, per l'appunto, di un libro per bambini che è adatto anche agli adulti. Forse sono cresciuta troppo oppure ho cambiato i miei gusti al punto di preferire un altro tipo di letteratura. 
Per cui, sono rimasta davvero con poco da dire, perché Olga di carta è un romanzo che nonostante la sua bella scrittura e aver centrato perfettamente il suo ambito, il suo piccolo angolo letterario, in me non ha lasciato alcuna particolare impressione. 
Non mi ha impressionato e neppure disgustato, al punto che non so bene di cosa parlare nei confronti di questo libro. 
Che cosa potrei ma dire? Senza dubbio è un libro carino ma con una morale trita e ritrita, seppure ottima per un bambino che si approccia alla letture. Ma io, donna grande e grossa, non sono rimasta sorpresa e contenta della morale, sopratutto perché conoscendo la scrittrice c'era da attendersi qualcosa di meglio e leggermente più originale. 


Il mio voto per questo romanzo è di tre punteggi d'inchiostro



6 commenti

  1. Che peccato! Un vero peccato che non ti abbia convinto.
    Ma dopotutto i gusti cambiano, leggere, scoprire nuovi libri ci cambia, ci fa capire cosa vogliamo davvero da una lettura ed è più che giusto che sia così.
    Quindi puoi dormire sonni tranquilli, almeno da parte mia non riceverai lettere minatorie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha ottimo XD Nessuna lettera minatoria mi sembra un ottimo inizio.
      Più che altro mi spiace aver scritto una recensione così piccina, ma stavolta non avevo praticamente nulla da dire ç_ç

      Elimina
  2. Risposte
    1. Io invece ero super decisa, super pronta e invece... -.-'' Peccato. Un mezza delusione

      Elimina
  3. Mmh, peccato, mi sembrava proprio un bel romanzo...

    RispondiElimina

Spero che il post vi sia piaciuto e attendo i vostri commenti :)