05/08/16

"La ragazza del treno" di Paula Hawkins

Cari appassionati di libri, avrei dovuto pubblicare questa recensione ieri e mentre vi scrivo è ancora ieri, ma oggi sono stata pigra. Sono giorni che m'impongo degli obbiettivi, che giustamente (ironia alla the way) non riesco a raggiungere. Vi dico solo che ho 16 post in bozza fra recensioni e altro, di cui ho scritto solo il titolo per ricordarmi di cosa devo scrivere XD 
Comunque, ecco una recensione per voi.

Titolo: La ragazza del treno
Autore: Paula Hawkins
Editore:  Piemme
Pagine: 306


La vita di Rachel non è di quelle che vorresti spiare. Vive sola, non ha amici, e ogni mattina prende lo stesso treno, che la porta dalla periferia di Londra al suo grigio lavoro in città. Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata. Seduta accanto al finestrino, può osservare, non vista, le case e le strade che scorrono fuori e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione in veranda. Un appuntamento cui Rachel, nella sua solitudine, si è affezionata. Li osserva, immagina le loro vite, ha perfino dato loro un nome: per lei, sono Jess e Jason, la coppia perfetta dalla vita perfetta. Non come la sua. Ma una mattina Rachel, su quella veranda, vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambia tutto. La rassicurante invenzione di Jess e Jason si sgretola, e la sua stessa vita diventerà inestricabilmente legata a quella della coppia. Ma che cos’ha visto davvero Rachel?



Rachel non è riuscita a riprendersi bene dal fallimento della sua vita e del suo matrimonio. Così ha deciso di affogare i suoi dispiacere nell'alcol e in una vita monotona  e falsa. Anche se non ne ha un vero motivo, tutte le mattine prende il treno che la conduce a Londra. Dal finestrino vede due cose. 
Una vita perfetta e una vita perfetta che un tempo era stata la sua.
La prima è la casa di Jess e Jason, moglie e marito che Rachel osserva da lontano idealizzandoli giorno dopo giorno come la coppia perfetta.
L'altra è la casa che un tempo lei e Tom avevano abitato, ma che adesso è occupata da lui e da Anna, la sua nuova compagna. 
Ero molto dubbiosa al riguardo di questo romanzo. Avevo letto pareri entusiasti, altri decisamente meno, quindi non sapevo che cosa aspettarmi.
Posso dire di non essere rimasta delusa.
In questo caso voglio rimanere breve, perché nei thriller c'è questo grande problema. Non è possibile parlare troppo dei personaggi o della trama senza rischiare d fare spoiler. Si vorrebbe analizzare quel dettaglio e pure un altro, ma per farlo bisognerebbe parlarne apertamente, cosa decisamente non possibile.
Partiamo col dire che se cercate un'eroina che vuole andare fino in fondo al mistero perché vuole risolvere un caso ed essere portatrice di giustizia... sappiate che qui non la troverete.
La storia  è narrata attraverso i pov di Rachel, Anna e Megan aka l'idealizzata Jess.
La prima non è in grado di andare oltre il suo fallimento e beve. Beve. Beve.
La seconda è una complessata tutta marito e figlia, cattiva nei confronti del mondo e nei confronti di qualsiasi altra cosa ci sia all'infuori delle mura della propria casa.
La terza è incapace di essere felice.
 Questo romanzo è stata davvero una bella sorpresa. Ogni cosa, ogni certezza non era tale e il dubbio minava ogni singola parola di Rachel. 
Ogni sequenza era frutto di una lenta ricostruzione, di gesti mancati, di parole dimenticate, di fallimenti personali e relazionali.
Rachel non è nemmeno una protagonista facile da capire. Perché agisce in tale modo? Come mai sente il bisogno spasmodico di capire cosa sia accaduto? 
Forse è incapace di farsi gli affari suoi, o forse è alla disperata ricerca di un affetto morboso, pronta a sfruttare inconsapevolmente i momenti di debolezza degli altri. Le sue intenzioni non sono mai cattive ma hanno sempre risultati disastrosi. 
Eppure lei non si vuole fermare, lottando contro se stessa e il giudizio che gli altri esprimono nei suoi confronti. Senza tuttavia lavorare minimamente su se stessa.
Se c'è una cosa che il romanzo mostra, oltre il fatto di essere un thriller, è una sorta di verità. Una dura verità. Le persone sono pessime. Sono deboli, pusillanimi, crudeli, superficiali e speso senza spina dorsale, al punto che si aspetta un lieto fine lo troverà solo per certi versi.
Parlando dell'intrigo del thriller in sé, davvero non posso lamentarmi. Vi dirò, non ho indovinato l'assassino, cosa che mi succede di rado O almeno non lo avrei mai detto. O forse sì... ma in apparenza sarebbe stata una teoria e una possibilità troppo campate in aria. In apparenza. 
Lo sviluppo non è dei più veloci ma non l'ho trovato un approccio sbagliato in quanto ricostruito attraverso i frammenti confusi della memoria ubriaca di Rachel. 
La ragazza del treno è senza dubbio una lettura interessante e avvincente, un mix di elementi davvero ben scritti e organizzati in differenti sequenze temporali che mostreranno un evento da più punti di vista, senza mai fossilizzarsi su un solo aspetto.

Il mio voto è di cinque punteggi d'inchiostro







14 commenti:

  1. wow Amelia, una recensione approfondita e sentita, voglio assolutamente leggere questo libro prima dell'uscita del film! <3

    RispondiElimina
  2. Bella recensione! Contemplavo questo titolo da un po', e ora ho finalmente deciso di aggiungerlo in whislist!
    Nuova follower, complimenti per il blog, è davvero carino! <3

    RispondiElimina
  3. Ciao Amelia, anche io ho letto recentemente questo giallo; rimandavo la lettura da tanto tempo perché credevo fosse un bidone e invece mi sono dovuta ricredere. Mi è piaciuto, e mi è piaciuta anche la tua recensione!

    RispondiElimina
  4. Ciao Amelia, a me non ha soddisfatto molto: da una parte non posso negare che mi abbia preso, dall'altra però ho trovato troppo pochi personaggi, con un finale a mio parere abbastanza scontato. Non so, prima di leggerlo pensavo a una trama un po' più originale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riguardo il numero dei personaggi, personalmente l'ho trovato adatto. Non ho mai letto di un thriller con molti personaggi, quindi mi è sembrato idoneo

      Elimina
  5. Ciao Amelia!
    Per me è stato tutto il contrario... È un libro che ho proprio detestato. Però ho visto il trailer del film e mi è piaciuto molto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace :( Spero che il film ti piacerà di più

      Elimina
  6. Devo assolutamente leggere questo libro e la tua recensione così lunga e approfondita è incoraggiante *ammicca*

    RispondiElimina
  7. Dopo averci messo una pietra sopra, la tua recensione mi mette in crisi!! ç_ç
    Ne ho letto male, ho visto video recensioni cattivissime e infine una mia amica lo ha criticato in ogni modo...e ora leggo queste tue parole che presentano un libro tutto al contrario di quello che mi ero immaginata! o.o

    Ok, devo assolutamente leggerlo e rispolverarlo dal suo angolino per dargli una vera chance...adesso sono curiosa di capire che cosa si nasconde tra quelle pagine, e spero davvero tu abbia ragione! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. M, sai, posso capire il non piacere e il piacere, della serie i gusti son gusto. Però posso dire che ho letto veramente di peggio. Anche io mi aspettavo una ciofeca tremenda e invece non era poi così male.

      Elimina

Spero che il post vi sia piaciuto e attendo i vostri commenti :)