Conosciamoci meglio! - Novità sparse e sensazioni sulla vita

Buongiorno a tutti :)
Ho molte cose da dirvi, nessuna delle quali angosciante o grave, per fortuna. Direi di partire direttamente dall'ambito puramente legato ai libri e ai social, quindi al blog stesso.

Da qualche tempo, esattamente da quando sono tornata dalla Francia, Google+ si comportava stranamente. Ogni volta che condividevo un post, anziché del dominio .com compariva il .be. Considerando che dal Belgio non ero passata (sì, .be è il dominio del Belgio) e non vedevo motivo per cui si dovesse usare tale dominio abbreviato (You Tube usa il .be quando è necessario abbreviare l'indirizzo di un link. Essendo You Tube una creatura di Google è possibile che il .be fosse qualche tipo di aggiornamento, ma... Molto ma...) ho deciso di eliminare il mio account Google+.
Per giunta, feci una ricerca su internet digitando: Amelia Malory Google Plus. Il primo risultato fu un sito del tipo: numeri e lettere a caso.org. Ovviamente deve essere un sito infetto e fake, per cui mi sono guardata bene dall'aprirlo.  La cosa ridicola è che non compare se invece di plus scrivo un semplice +. -.-'''
Comunque qualunque link vi porti a una pagina simile o sostiene che io esista ancora sul social è ovviamente falso. 

Credo che molto sia colpa  della scelta dello pseudonimo Amelia Malory. Sapete perché? Non solo perché lo uso su molti social ma anche perché esistono moltissime Amelia Mallory al mondo.  La differenza è di una sola lettera. 
Spesso e volentieri la mia mail di Amelia ha due o tre mail spam, incredibilmente spam, in cui signori e signore coreani, asiatici, arabi e irlandesi (WTF) mi offrono: soldi, vincite, offerte di lavoro e Green Card per l'america. Ma per favore XD
Infatti, per esempio, la mia mail personale, col mio vero nome, non riceve spam quasi mai. Il mio non è un nome diffuso, su Facebook saremo una decina a voler esagerare. 

Ho deciso di lasciare la Bookopoly Challange perché comincia non solo a starmi stretta, ma anche perché ho molti libri arretrati da leggere e voglio smaltire la mia immensa tbr. Rispettare sua essa che la challenge non m riesce affatto.

Credo che sarò costretta a chiudere la parte inglese del The Readers Nest. L'account instagram è già stato chiuso. Ovviamente quello italiano andrà avanti, ma non ho riscontato alcun genere di partecipazione da parte del side inglese, tranne votare ai poll. Nessuno discuteva, era come parlare con me stessa. Che senso ha?
Comunque credo che fonderò un book club su Instagram assieme a delle bookstagrammer, ma mi farà sapere come va a finire. 
Inoltre, ho deciso che farò delle Instagram Stories per mostrarvi i miei nuovi arrivi, piccoli unboxing e così via U.U

Ora, riguardo la scelta del blog, sto avendo un po' di crisi. Perché? Sto rivalutando la scelta di aver usato uno pseudonimo. 
Avevo una pagina di scrittura col nome di Amelia, quindi mi venne naturale fondare questo blog come Amelia. Tutti i social relativi al blog portano il nome Amelia. 
Un tempo ero timida, sentivo di dovermi nascondere e ora... non più. 
Non è che Amelia sia un peso o qualcosa di sbagliato, ma ora non ne vedo più la necessità.
Se dovessi cambiare nome e indirizzo del blog, Blogger non aggiornerebbe i link proprio per nulla. Dovrei fare tutto manualmente e questa è una cosa che mi frena moltissimo.
Allo stesso tempo, so che mi aspetta un futuro non solo da scrittrice (come sono positiva) ma anche da lavoratrice nel mondo della moda. Credo che separare questi due ambiti sia stata una buona scelta, perché quando scrivo non voglio essere vista come una stilista che scrive ma come una scrittrice. Così come quando creo un abito non voglio essere vista come una scrittrice che cuce. 
Perché tutta questa preoccupazione? Moltissime persone, sopratutto a livello lavorativo in entrambi gli ambiti, sanno essere molto velenose. Il lavoro dello scrittore non è rose e fiori, ancora meno lo è quello della stilista in cui fin dal primo giorno venne detto alla mia classe di 300 persone: meno della metà di voi ce la faranno. 
Per giunta, sono stata ammessa all'accademia di alta moda. Al termine di tre anni potrei essere selezionata per sfilare ad Alta Roma. E io voglio sfilare ad Alta Roma. Nessun pregiudizio deve mettersi fra me e la mia carriera. L'unica cosa che può affossarmi deve essere l'impegno che potrei non riuscire a mettere. Si tratta del mio futuro.
Per cui, vi chiedo: cosa ne pensate? Alcuni di voi utilizzano pseudonimi? Secondo voi, questo turbamento è meglio lasciarlo perdere?

Inoltre, ho qualche angoscia sul futuro. Il mio sogno è sempre stato quello di trasferirmi all'estero, Londra o Parigi per cominciare. Ma con la mia scelta d'iniziare l'accademia a Roma,  significa passare altre tre anni in una città che mi sta stretta. Ho smesso di amare gli italiani (scusatemi, ma è così), ho smesso di amare molte cose, e dopo una vacanza disastrosa mi sono accorta che io e miei genitori siamo divenuti incompatibili. Sono... oscuri. Sono razzisti, retrogradi, la loro cultura sembra svanita... O forse sono io che sono arrogante.
Fatto sta che quando ho detto: io voglio aiutare le persone, non ucciderle o sganciare bombe sulla loro terra, sono stata carinamente definita la "Giovanna d'Arco dei poveri". 
Grazie, mamma. Me lo ricorderò per sempre.
Comunque, ha tutto questo si è sommato il: e poi? Se dopo l'accademia dovessi trovare lavoro in Italia?  Rischio di rimanere bloccata in Italia?
Di un lavoro sarei sempre grata, ma non se dovesse ostacolare i miei progetti.
Ma sopratutto, mi chiedo cosa accadrà se riuscissi ad andare all'estero. Avrei un semi-progetto con un amica ma tre anni sono molto tempo. Chissà come sarà lei fra tre anni. Magari avrà un compagno e andrà avanti con lui.
Io avrò un compagno? Ma poi, sto compagno lo voglio davvero? No, non molto. Anzi, per nulla. 
Come se non bastasse questi pensieri mi hanno portato a rivalutare tutto la mia storia di vita amorosa (inesistente) e a farmi serie domande sul mio orientamento sessuale. Senza fra l'altro ottenere risposta. Forse ho dei seri problemi a relazionarmi col sesso e con le persone, forse ancora non ho capito chi sono... non lo so. 
E fra l'altro non ho la patente. Sì, faccio schifo a guidare. In seguito all'indicente avuto quattro o cinque anni fa per colpa dell'epilessia, ho dovuto ritardare l'esame e quando ho sostenuto la prova pratica, per ben due volte ho fallito mentre l'ansia mi divorava viva. 
Nella mia vita ho sempre fallito molte cose, ottenendo risultati dopo anni o molti tentativi. Quindi, il fatto di non aver preso la patente mi distrugge dentro, anche se dal punto di vista della mia vita tutto è nella norma. E ancora non ho avuto il tempo fisico di rimettermi a ripassare per il test teorico.
Insomma, uno sfacelo. 
Ma i lati positivi rimangono: sono a dieta perché ho preso troppo peso e andrò all'accademia. 

10 commenti

  1. Uhm, vedo che noi due siamo più simili di quanto non immaginassi.
    Partiamo dalla scelta del pseudonimo. Io per blogger ho scelto "Giusy P." perché, come puoi immaginare, è il mio nome e cognome xD. Per facebook invece è diverso. Là sono Lydia G. Stark perché diciamo che se nel blog parlo di libri, su facebook parlo soprattutto di me. Sono una persona molto timida e riservata, però quando scrivo sul fake mi sento me stessa, probabilmente perché so che c'è gente che mi capisce veramente. Io abito in un paesino che cresce a pane ed ignoranza (popolo di razzisti, omofobi, maschilisti e chi ne ha più ne metta) ed è per questo che non condivido mai miei pensieri sul mio real. In realtà l'unico motivo per il quale esiste è per tenermi in contatto con qualche amico, parante e\o amici lontani e con l'accademia.
    Comunque quello è anche uno dei motivi per il quale vorrei andare a vivere all'estero. Io pensavo anche a Londra, ma anche Berlino non mi dispiacerebbe. E con chi andrò non ne ho idea. Ho conosciuto una collega\amica con cui condivido tutto (potremmo sembrare gemelle), ma lei ha un fidanzato, quindi non so che intenzioni abbia (in tal caso io non voglio fare il terzo incomodo XD). E poi la tua domanda "Io avrò un compagno?" credimi, me la pongo spesso anch'io. Forse no perché sono un tipo ambizioso e timido, forse non ne ho davvero bisogno (ogni volta che penso alla mia famiglia maschilista mi vien voglia di restare da sola e occuparmi soltanto di me stessa).

    Comunque se qualche volta ti va, potremmo parlare via mail :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere di non essere sola ma allo stesso tempo mi spiace che tu sia salita sulla barca degli sventurati XD
      Mi farebbe piacere sentirti :) Quindi preparati perché sto arrivando *.*

      Elimina
  2. Ciao.
    Io prima usavo lo stesso pseudomino sia su fb su sul blog infatti ero Leonie. Poi quando ho deciso di intraprendere per davvero la "carriera" della scrittrice mi sono resa conto che era controproducente separarare il mio vero nome dal nick e così sul blog da Leonie sono passata a Susy. Su fb storia diversa perchè ho ancora il vecchio nick ma lì ci sto poco quindi non ho problemi, mentre sul blog ho preferito essere me stessa fino in fondo e penso che farebbe bene anche a te. Anch'io sono timida ma il blog riesce a tirare fuori il lato migliore, quindi se non dovessi più chiamarti Amelia ma col tuo vero nome penso che ti gioverebbe molto, a me è successo.
    Complimenti per la tua carriera nella moda, ti auguro ogni bene e vedrai che presto risolverai ogni cosa!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Relax! :)
    Dire che hai qualche pensiero per la testa è dir poco, ma ti capisco, il futuro non solo mette ansia, ma accidenti..terrorizza! Io e il mio fidanzato volevamo trasferirci all'estero, io mi sarei iscritta all'università e lui avrebbe iniziato una carriera in ambito edile, ma mentre io finivo il quinto anno, lui ha dovuto iniziarla qui per questioni economiche e visto che ha iniziato ad avere successo, abbiamo gettato al vento due anni di progetti ed ora cerchiamo ogni modo possibile per riprogettare una vita qui che sembra meno brillante, ma comunque soddisfacente. Se vuoi andartene e devi solo seguire il tuo di percorso formativo, raggiungi i tuoi obiettivi e vola via! Letteralmente, completa la tua formazione e prendi il primo volo per Londra o Parigi: si può scrivere ovunque e se hai talento e passione riuscirai ad emergere anche fuori da questo inferno nel campo della moda!

    Per quanto riguarda la storia del compagno/a, prima di stare bene con qualcuno devi conoscere te stessa e sapere cosa esattamente vuoi e di cosa hai bisogno. Vedrai che dopo aver capito te stessa sarai in grado di aprirti o di trovare qualcuno con cui condividere la tua serenità...io ci ho messo due brutti rapporti amorosi e 18 anni per capire chi ero e cosa volevo e una volta ottenuto un certo equilibrio sono riuscita ad aprirmi alle gioie della vita amorosa - si dice così??. In ogni caso devi prima star bene con te stessa, poi se sarà destino e se sarà nei tuoi desideri, allora arriverà qualcuno che riuscirà a farti dimenticare il mondo e a capirti sempre e comunque..ci sono sempre pro e contro (vedi aneddoto precedente), ma spesso le cose sono più facili in due! :)

    Per The Readers Nest versione inglese, mi dispiace molto, ma in effetti hai ragione, io per prima non ho quasi mai scritto...non ci sono scuse, ma comunque se decidi di non chiuderlo cercherò di essere più attiva! :)
    Scusa! ç_ç


    Ad ogni modo, Amelia mi piace molto e se questo ti aiuta a distinguere i tuoi due mondi in modo più semplice, perché farsi problemi? Nickname o nomi diversi, l'importante che sei tu e che ci metti passione..insomma, potresti chiamarti pincopalla, ma il tuo blog sarebbe comunque tuo, i tuoi scritti avrebbero comunque il tuo stile e a chi piace quello che fai ti seguirebbe comunque...e poi se i due mondi che fanno parte della tua carriera sono come dici, probabilmente è un bene dividere le due cose in modo così netto! :)

    Non so, forse in tutto questo ho detto solo baggianate, ma davvero se ci metti passione e determinazione, riuscirai a fare tutto ciò che vorrai...non so molto sul mondo della moda, ma mi sembra di capire che i tre anni che ti aspettano facciano parte di un tipo di formazione abbastanza d'élite e direi che partendo dal presupposto che non puoi certo farti scappare questa occasione, tutto il resto lo puoi costruire intorno...!

    E - per chiudere - ti assicuro, che non sei l'unica ad avere certi problemi con i parenti a livello...culturale?...io ho problemi con la mia intera famiglia (zii cugini e compagnia) e spesso ho paura di essere io pretenziosa o di sentirmi superiore, poi li ascolto e capisco che certe volte bisogna solo aver pazienza e apprezzare quelle poche cose buone che un rapporto ci dà...conta fino a mille e pensa che saresti potuta cadere nei pregiudizi e nelle credenze grezze in cui sono finiti loro..!


    Va bene, non so se hai avuto la pazienza di leggere tutti i miei sproloqui, ma spero di essere stata anche solo un briciolo d'aiuto..non so, ma quando ho momenti di crisi esistenziale - e capitano spesso - le soluzioni arrivano sempre nel modo più assurdo, ti auguro qualcosa del genere e spero di leggere più avanti di un tuo futuro post su qualche città fuori di qui...chissà dove sarai fra tre anni! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok..non pensavo di aver scritto tanto ma...ok
      In bocca la lupo per tutto bastava? non credo! U_U

      Elimina
    2. Grazie ç_ç Sono commossa, davvero. *abbraccia*
      E comunque non mi spiace mai per i commenti lunghi o piccoli che siano. Per dire alcune cose ci vogliono le parole XD
      Come vedi ho preso la mia decisione, visto che ho cambiato il mio nome. Domani tieni d'occhio il blog XD

      Elimina
    3. Ah bene! :D
      Passerò a dare un'occhiata allora!! ;)

      Elimina
  4. Pseudonimo? Penso non sia un problema, io ne ho uno (cioè praticamente questo), da altre parti invece uso il mio nome con 74.
    Sul discorso di orientamento io direi di non allarmarti. E' normale confrontarsi con punti di vista anche abbastanza differenti, anche se in alcuni casi, per esempio con i familiari, può sembrare molto "strano". Ma ti direi di non preoccuparti, sviluppa nel tempo il tuo pensiero e confrontati (in generale intendo). Apprezzo molto l'approccio di cui hai fatto cenno. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io che credevo di averti risposto ç_ç
      Per fortuna ho avuto lo sghiribizzo di andarmi a leggere alcuni vecchi post XD
      Ti rispondo a ritroso, quindi, che comunque adesso va tutto bene ;)

      Elimina

Spero che il post vi sia piaciuto e attendo i vostri commenti :)