"Shatter me" di Tahereh Mafi

Finalmente, dopo secoli, ritornano le recensioni sul blog *.* Ci sono riuscita.  Ho deciso che manterrò questa recensione molto sul breve perché non ho molto da dire se non brutte cose. Esatto. Perdonatemi in anticipo, amanti della Mafi, ma davvero non so cosa ci vedete in questa saga.


Titolo: Shatter Me
Autore: Tahereh Mafi
Saga: Shatter Me #1
Editore: Harper Collins
Pagine: 338


Juliette hasn’t touched anyone in exactly 264 days. The last time she did, it was an accident, but The Reestablishment locked her up for murder. No one knows why Juliette’s touch is fatal. As long as she doesn’t hurt anyone else, no one really cares. The world is too busy crumbling to pieces to pay attention to a 17-year-old girl. Diseases are destroying the population, food is hard to find, birds don’t fly anymore, and the clouds are the wrong color. The Reestablishment said their way was the only way to fix things, so they threw Juliette in a cell. Now so many people are dead that the survivors are whispering war – and The Reestablishment has changed its mind. Maybe Juliette is more than a tortured soul stuffed into a poisonous body. Maybe she’s exactly what they need right now. Juliette has to make a choice: Be a weapon. Or be a warrior.



Juliette ha un potere distruttivo e da quando il mondo non è più lo stesso, abusato dall'uomo, la natura morente, il Reestablishment ha preso il potere. Appena Juliette ha manifestato le sue capacità, questa nuova e la promettente istituzione l'ha portata via e rinchiusa in una cella chissà dove.
Ma il mondo al di fuori della cella di Juliette sta cambiando e peggiorando ancora una volta e la vita di Juliette sta per cambiare nuovamente.
Mi aspettavo di meglio, davvero di meglio. Dire che questo romanzo è stato una delusione è poco. Io l'ho trovato insulso e di conseguenza anche brutto.
Partiamo da cosa si salva: lo stile della Mafi. Molto interessante e poetico ma non basta a fare un buon libro. Sarebbe stato quasi meglio se avesse scritto un libro di poesia sulla libertà.
Vediamo un po' di worldbuilding.... non pervenuto.
Abbiamo un mondo distopico che non la fa da padrone e non s'integra nemmeno con la storia e i personaggi. Le relazioni fra di essi avrebbero funzionato anche se trasportate in un normalissimo romanzo contemporaneo. Il mondo dove Shatter me è ambientato e i poteri di Juliette sono qualcosa in più, un più gettato alla rinfusa per dare un po' di pepe alla storia. Ma non funzionano comunque.
La teoria secondo cui il mondo sta praticamente volgendo verso la curva della fine può anche andare bene, un cliché tipico ma molto utile e classico. Il punto sta nelle seguenti domande.
Come si è istituito il Reestablishement con precisione?
Dove e come trova la ricchezza necessaria per mantenere le sue basi militari così lussuose?
Quali sono i motivi approfonditi per cui la natura e il mondo stanno morendo?
Da dove derivano i poteri di Juliette?
Come vive il resto della popolazione se il mondo al di fuori del Reestablishement sembra letteralmente lasciato a se stesso? Quini il Reestablishement è solo una farsa?
Parlando dei personaggi arriva la parte peggiore.
Sono stufa di queste storie fatte con lo stampino e Shatter me è un insieme di pagine che sembra preconfezionate. 
Partiamo da Juliette. Una critica del libro trovata nella parte posteriore della copertina la definisce "un'eroina indimenticabile". Ma proprio no. 
Juliette è un'ameba che cammina. I suoi comportamenti sono nulli. Juliette fa quello che le viene detto, scappa perché le viene offerta l'occasione ma non fa mai davvero nulla di suo iniziativa. Segue semplicemente gli altri personaggi, delle volte pone qualche domanda e solo nelle ultime pagine del libro sembra possedere e riattivare la scintilla della personalità ma senza osare andare oltre.
Molti dei suoi comportamenti sono coerenti con la solitudine e depressione provata in seguito ai giorni di prigionia, ma al tempo non fa nient'altro che farsi trascinare qua e là e piangere. Su quest'ultima cosa non ci sarebbe nulla di male, se non fosse una delle sue azioni primarie.
Inoltre, non poteva mancare il cliché "sono una bella ragazza e tutti mi vogliono e mi fanno dei complimenti". No, non posso più vedere queste cose.
 Adam è l'uomo-piatto per eccellenza. Lui è bello, forte, coraggioso, premuroso, il principe azzurro che punta dal nulla per salvarla.
Warner è il bad boy della situazione, perché ovviamente non poteva mancare, assieme ad atteggiamenti ossessivi, persecutori e da ormoni impazziti.
E da qui raggiungiamo la storia d'amore. Imbarazzante e dir poco. Irrealistica e adolescenziale, mi è sembrato di leggere una fanfic scritta da un dodicenne con un vocabolario più ampio e attento. Per giunta, essa viene letteralmente imposta al lettore fin dall'inizio senza approfondire una eventuale evoluzione. 
Decisamente non ci siamo. Ho passato la maggior parte del tempo a roteare gli occhi.

Il mio voto è di un punteggio d'inchiostro




7 commenti

  1. Ciao! Avevo sentito nominare questa saga, ma... viste le tue poco incoraggianti parole, non credo che mi cimenterò! Sai qual è il problema, secondo me? Negli ultimi anni, queste storie "distopiche" si stanno moltiplicando a vista d'occhio, spesso anche per moda... rischia di mancare l'originalità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma questo non è proprio un distopico. Piuttosto è un romance, pure un po' scadente, travestito da storia distopica

      Elimina
  2. Ciao Amelia, sai che invece io ho finito la serie e la ricordo con tanto piacere? Mi e' piaciuta molto Juliette. La storia in generale e Warner in particolare. Ho adorato le novelle ed Unravel me tantissimo. Mi dispiace che non sia una lettura che ti ha regalato emozioni, spero che con la prossima andra' meglio, e' sempre brutto quando un libro non ti entra nel cuore, io ci rimango sempre male quando succede. Un abbraccione ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro non è solo il fatto che non entra nel cuore. Il punto è che lo trovo un romanzo proprio brutto parecchio sopravvalutato

      Elimina
  3. Uhm... adesso sono ancora più confusa dopo la tua recensione. Non è il mio genere, ma la trama sembra carina ho letto due recensioni positive che mi stavano quasi convincendo, però poi leggo la tua e sono ancora più dubbiosa. Mi sa che devo leggerla per farmi un'idea mia.Grazie comunuqe per la tua opinione

    RispondiElimina

Spero che il post vi sia piaciuto e attendo i vostri commenti :)