23/11/16

"Harry Potter e la pietra filosofale" di J.K. Rowlig

Novembre è agli sgoccioli e dopo una gloria settimana di post programmati, eccomi un po' stanca a correre appresso ai post della settimana. Per questo riceverete questa recensione per l'ora dell'aperitivo.
Ma in ogni caso non è piacevole parlare di un libro che più o meno noi tutti abbiamo letto?
Titolo: Harry Potter e la Pietra Filosofale
Autore: J.K. Rowling
Saga: Harry Potter #1
Editore: Salani
Pagine: 302


Harry Potter è un predestinato: ha una cicatrice a forma di saetta sulla fronte e provoca strani fenomeni, come quello di farsi ricrescere in una notte i capelli inesorabilmente tagliati dai perfidi zii. Ma solo in occasione del suo undicesimo compleanno gli si rivelano la sua natura e il suo destino, e il mondo misterioso cui di diritto appartiene. Un mondo dove regna la magia; un universo popolato da gufi portalettere, scope volanti, caramelle al gusto di cavolini di Bruxelles, ritratti che scappano.


Già vi sento: ma come, Camilla! Recensisci adesso un libro di Harry Potter?
Ho deciso di rileggere questo libro grazie a Bookstagram. Mi capitavano spesso sotto gli occhi i post dedicati a questo fandom e alla fine mi sono decisa a rileggere la saga perché dovevo capire e leggere, scoprire il motivo per cui tutti amavano questa saga e... ancora non lo capisco. 
Esatto: tempo di opinioni impopolari.
Sì, è stata una lettura carina e piacevole ma per diverso tempo mi sono un po' annoiata e il massimo del divertimento è stato rintracciare i vari riferimenti fra il film che avevo visto di recente e le differenze. 
Non so bene dire cosa non mi abbia colpito di questo primo libro e la mia idea del passato non è cambiata nel corso degli anni.
Forse il lato un po' infantile, buffo e gioioso di Harry Potter che tenta di mischiarsi con un lato più oscuro e malvagio non è mai stato in grado di colpirmi. Per esempio, non ho mai apprezzato le canzoni del libro, anzi, quando si mettevano a cantare mi sarei sotterrata e nascosta. E Hogwarts ha perso serietà per me.
Senza ombra di dubbio la Rowling ha creato un'idea che non era classica e l'ha trasformata in tale, affermando una nuova fonte d'ispirazione per i futuri scrittori - ovvero lei stessa. Ha creato un trio che funziona, ognuno con le sue particolarità che lo rendono definito entro una certa categoria e che rende quindi la lettura facile per un lettori di ogni età.
Non è neppure un romanzo impegnativo o con difetti particolari. Forse Harry è troppo piccolo per me e magari nei romani a seguire riuscirò a capire meglio il romanzo e i protagonisti stessi. 
Da una parte trovo sempre assurde alcune totali mancanze di logica presenti all'interno del libro e alcun fatti che stanno in piedi solo perché Harry doveva essere il bambino sopravvissuto ma anche il bambino carino, ben educato ma povero e maltrattato. 
Per esempio mi sono sempre chiesta come nessuno non avesse mai notato che Harry non viveva in condizioni accettabili. Neppure i suoi maestri a scuola? Ne dubito. Come è altrettanto strano che i Dursley, odiandolo e/o sopportandolo a stento, anziché mollarlo sulle soglie di un ospedale o una stazione di polizia alla prima occasione, se lo trasportino ovunque senza sosta attirandosi appresso tutte le attenzioni dei gufi e dei maghi di turno.
O come i maghi, dovendo confondersi in mezzo agli umani, se ne vadano in giro vestiti da maghi e non abbiano idea di come si viva nel mondo dei "babbani". Semplicemente non ha senso ed è assurdo che non siano ancora stati scoperti.
Insomma, strano ma vero il primo libro di Harry Potter non mi dice molto anche se adoro collezionare le cose del fandom e immergermi un po' nell'atmosfera. Nonostante questo, trovo che il romanzo non sia affatto la grande svolta epocale di cui ho tanto sentito parlare - se non per le idee -  e dalla rilettura mi sarei aspettata una qualche illuminazione che mi facesse cogliere gli aspetti mancati ma non è stato affatto così. 

Il mio voto è di tre punteggi d'inchiostro




4 commenti:

  1. Con Harry Potter io ho avuto la tua stessa impressione fino al secondo volume. Poi c'è stato il terzo. Penso di non aver mai letto così in fretta un libro (tieni conto che ero alle medie, per me un libro grosso come HP3 era una cosa improponibile!). Il prigioniero di Azkaban mi ha conquistata come niente fino a quel momento aveva fatto.
    Il quarto è stato un parto. Arrivata a metà l'ho mollato finché mi sono obbligata a finirlo per l'uscita del quinto. E mai scelta fu più azzeccata perché ti giuro che 5, 6 e 7 hanno un sapore completamente diverso! Quando mi sono innamorata di quei tre libri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora spero che le cose cambino un poco XD Il mio era un vero e proprio esperimento U_U

      Elimina
  2. Ciao cara <3
    Io inizialmente non volevo leggere Harry Potter perché avevo visto il film un casino di volte e, lo so che non sono la stessa cosa,però avevo una sorta di avversione verso questa serie. Poi però una mia amica mi ha iniziato al mondo della Rowling e me ne sono innamorata. Capisco benissimo tutti i dubbi sul primo volume perché credo che li abbiamo avuti tutti, ma secondo me bisogna prenderlo per quello che è. E' un libro per bambini e alcune cose sembrano assurde o senza senso, ma magari lo sono appunto perché è una lettura dedicata ad un pubblico giovane che non si fa quattro domande. Ma la storia, come i personaggi, matura di libro in libro, tant'è che arrivata al settimo volume ti ritroverai con una storia forse poco adatta ai ragazzini. E capirai anche che molte cose non sono buttate lì a caso, ma hanno un significato ben preciso. Ogni volta io mi stupisco di come la Rowling abbia collegato in maniera magistrale le trame dei sette libri, cosa che fa pensare che lei aveva già in mente un progetto così grande prima di iniziare a scrivere il primo volume! Perciò ti consiglio di dare altre possibilità alla serie, davvero, perché ne vale davvero la pena!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So dei collegamenti e so anche questo primo libro non è ovviamente pensato per la mia età ma non posso comunque giustificare quelle piccole falle logiche XD
      Comunque, questo è una sorta d'esperimento per cui leggerò anche il resto della saga :)

      Elimina

Spero che il post vi sia piaciuto e attendo i vostri commenti :)