06/12/16

"Three Dark Crowns" di Kendare Blake

Finalmente una recensione scritta a non troppo tempo di distanza dalla fine delle lettura del romanzo. Questo libro è stato uno dei libri che ho letto sia per The Readers Nest che per The Bibliopaghist Readers
Devo dire che è stata davvero un'ottima lettura *.*


Titolo: Three Dark Crowns
Autore: Kendare Blake
Saga: Three Dark Crowns #1
Editore: Harper Teen
Pagine: 398

In every generation on the island of Fennbirn, a set of triplets is born—three queens, all equal heirs to the crown and each possessor of a coveted magic. Mirabella is a fierce elemental, able to spark hungry flames or vicious storms at the snap of her fingers. Katharine is a poisoner, one who can ingest the deadliest poisons without so much as a stomachache. Arsinoe, a naturalist, is said to have the ability to bloom the reddest rose and control the fiercest of lions. But becoming the Queen Crowned isn’t solely a matter of royal birth. Each sister has to fight for it. And it’s not just a game of win or lose…it’s life or death. The night the sisters turn sixteen, the battle begins. The last queen standing gets the crown.



Primo romanzo di una duologia fantasy, con questo libro lo stacco di Kendare Blake dal suo unico romanzo arrivato in Italia, ovvero Anna vestita di sangue, è decisamente netto e notevole. 
Questa è stata sicuramente una delle migliori letture del mese di novembre. Si tratta, a mio parere, di un libro che può piacere e non piacere. Personalmente, trovo difficile capire quei lettori che vogliono un libro tutta azione perché mi sembra che non siano in grado di cogliere che molti libri necessitano tempo e parole perché la loro trama si delinei, dando forma a uno schema complesso. E credo che Three Dark Crowns potrebbe essere uno di quei libri che alcuni potrebbero finire a metà, perdendosi così il finale.
Infatti. se non leggete questo libro fino alla sua fine... che dire, avete perso un'occasione.
Siamo su un'isola posta sotto un regime matriarcale in cui ogni generazione la regina in carica da alla luce tre gemelle. Subito dopo il parto la regina lascia il suo regno, che cade sotto il comando di una sorta di democrazia fino a che la nuova regina non sarà eletta.
Ognuna delle sorelle ha un dono magico concessogli dalla Dea e una volta cresciute, una volta compiuta la cerimonia di Beltane, le tre sorelle dovranno darsi battaglia fino a che solo una rimarrà viva.
Three Dark Crowns è un libro decisamente politico, che si prende il suo tempo per tracciare le linee di uno schema che alla fine non lascerà delusi i lettori amanti dei cliffhanger, le sorprese, gli sconvolgimenti e le sorprese.
Scordatevi personaggi maschili preponderanti o intelligenti perché in questo romanzo sono le donne a reggere e gestire l'isola, e così i poteri delle regine. 
Un'unica pecca è stata la romance, che personalmente delle volte ho trovato in perfetto "nosense" e superflua all'intera storia, ma per fortuna mai forzata. In ogni caso, non è il tema principale del romanzo e in un certo senso fa un po' da background alla storia e viene usata ai fini della trama, ma non n'è il cardine principale. Da una parte avrei preferito un libro privo di romance - ce ne sarebbe bisogno nel panorama ya - ma nonostante questo non sono rimasta troppo disturbata dalla cosa... tranne nel roteare gli occhi.
Le tre regine sono molto diverse fra di loro e devo dire che non mi ci è voluto molto a preferire Arsinoe alle altre, poiché l'ho trovata assai più genuina e realmente preoccupata per il suo futuro, amara per la situazione in cui si trova. Katherine è stata quella che preferisco di meno per via di alcun suoi accenni alle sorelle completamente sadici e immotivati, dato che era stata divisa da loro con le lacrime agli occhi... insomma, domande che spero il secondo libro risolva e spieghi il perché della vena sadica di Kath.
Anche Mirabella per un momento è stato nella mia top list, poiché è apparsa come l'unica persona che ha cercato una soluzione al massacro, ma si è dimostrata piuttosto deboluccia davanti alla sua stessa intenzione e a un certo punto ha cominciato a ragione - perdonato il francesismo - col culo. 
Ammetto di aver sperato fino all'ultimo che le cose andassero per un piega meno prevedibile rispetto alla premessa - sono una persona così positiva - e in apparenza il lieto fine sembra non essere arrivato. Ma non temete, questo non è un vero spoiler. La cosa era abbastanza evidente fin dalla prima pagina ma io ci spero sempre.
Il mondo dell'isola non è accennato nei dettagli, quindi il lettore dovrà basarsi sopratutto sull'osservazione della mappa, sulle descrizioni e anche un po' sulla sua fantasia per costruire un mondo in cui la Blake porta il lettore decisamente senza guidarlo per mano, come se fosse sempre cresciuto sull'isola.
Come avrete già capito, il finale è stato senza dubbio fantastico e non vedo l'ora di mettere le mani sul seguito, che è stato annunciato col nome di One Dark Throne. Sarà anche l'ultimo libro della serie e davvero non so come potrà l'autrice narrare tutto quello che deve succedere.


Il mio voto è di quattro punteggi d'inchiostro



6 commenti:

  1. Sto cercando di procurarmi il libro perché mi intriga parecchio **
    L'unica cosa che mi preoccupa un po' è di trovarlo un po' infantile come Anna vestita di sangue (che però alla fine mi era piaciuto!), anche se mi pare di capire che non lo è :)

    RispondiElimina
  2. Io ancora non l'ho iniziato, devo ammetterlo, nonostante fosse la lettura di Novembre per The Reader's Nest, ma è tra le prossime letture quindi entro dicembre voglio assolutamente dargli una chance, per di più dopo questa tua recensione sono sempre più curiosa!! *-*
    Non ho letto Anna vestita di sangue, ma tanto meglio, così posso farmi un'idea fresca sull'autrice! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero davvero tanto che ti piaccia *.* Creiamo un fandom italiano della serie XD

      Elimina
  3. Non sono molto colpita dalla storia in se. Non mi ha attirato, boh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un giorno dovrai dargli la possibilità, magari se si degnano di portarlo in Italia.

      Elimina

Spero che il post vi sia piaciuto e attendo i vostri commenti :)