10/03/17

"Nights of Cakes and Puppets" di Laini Taylor

Lettori in soffitta, domani è sabato *.* Come è andata la vostra settimana? Io non posso lamentarmi, sopratutto perché è stata piuttosto rilassata. Oggi mi presento sul tardi e vi lascio questa mini recensione.

Titolo: Nights of Cakes and Puppet
Autore: Laini Taylor
Saga: Daughter of Smoke and Bone #2.5
Editore: Little, Brown Books
Pagine: 100


In Night of Cake & Puppets, Taylor brings to life a night only hinted at in the Daughter of Smoke & Bone trilogy — the magical first date of fan-favorites Zuzana and Mik. Told in alternating perspectives, it’s the perfect love story for fans of the series and new readers alike. Petite though she may be, Zuzana is not known for timidity. Her best friend, Karou, calls her “rabid fairy,” her “voodoo eyes” are said to freeze blood, and even her older brother fears her wrath. But when it comes to the simple matter of talking to Mik, or “Violin Boy,” her courage deserts her. Now, enough is enough. Zuzana is determined to meet him, and she has a fistful of magic and a plan. It’s a wonderfully elaborate treasure hunt of a plan that will take Mik all over Prague on a cold winter’s night before finally leading him to the treasure: herself! Violin Boy’s not going to know what hit him.



In questo racconto non proprio brevissimo - perché, diamine, sembrava non finire mai - la Taylor narra dell'incontro definitivo fra Mik e Zuzana, ovvero quello che coronerà la cotta della migliore amica di Karuo con l'inizio di una relazione.
La Taylor non si smentisce mai, sopratutto grazie al suo stile molto poetico... e lungo. Ammetto che mi sarei aspettata un po' di più. 
Il centro della storia non avrebbe di certo dovuto essere diverso, ma forse è il metodo con cui siamo arrivati al sodo che, nonostante io abbia apprezzato la lettura, non mi ha convinto appieno. 
I tratti narrati da Zuzan sono stati senza dubbio i più interessanti, anche se è stato altrettanto piacevole scoprire come fosse Mik visto da vicino e non come personaggio secondario. 
Mi sono piaciuti i deliri, le bizzarrie, i giochi e le ricerche, ma... a un certo punto non ne potevo più.
Tutto molto dolce, carino e coccoloso, ma a un certo punto è il momento di mettere la parola "stop" e arrivare al sodo.
Invece, in questo racconto la Taylor sembra voler trascinare la cosa avanti e avanti, pagina dopo pagina come se non riuscisse a mettere la parola fine al discorso. 
Insomma, se avete amato la saga della scrittrice, questo racconto può essere una lettura carina da aggiungere ma credo che possiate vivere anche senza. Ammesso che invece siate fan di Zuzana.


Il mio voto è di tre punteggi d'inchiostro


2 commenti:

  1. La serie della Laini è quella che mi porto nel cuore, ho adorato Zuze e Mik, è tempo anche per me di leggere la novella... mi mancano! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che dovresti davvero leggerla, se hai adorato Zuzana e Mik. Davvero, ti farà venire gli occhi a cuoricino XD

      Elimina

Spero che il post vi sia piaciuto e attendo i vostri commenti :)